La stagione di Felipe Anderson

La stagione di Felipe Anderson

13/01/2019 Off Di StatsCalcio

Ieri pomeriggio il West Ham ha raccolto una vittoria molto importante contro l’Arsenal, in una stagione che sta forse riservando meno soddisfazioni del previsto agli Hammers.

Una delle note più positive della stagione della squadra di Manuel Pellegrini è però Felipe Anderson, che sembra essere tornato ai livelli sui quali si esprimeva nelle sue stagioni migliori alla Lazio.

Anche ieri il brasiliano è stato tra i migliori in campo, risultando il migliore in campo in quanto a diverse statistiche: occasioni create, cross riusciti, dribbling riusciti, contratsi vinti.

Il segno di un calciatore in piena fiducia e che ha trovato nuovamente il modo di esprimersi ai massimi livelli.

Andiamo a vedere un po’ delle sue statistiche stagionali principali (le medie sono espresse per 90 minuti).

22 presenze
8 gol segnati
2 assist
0.37 gol
0.08 assist
1.71 tiri totali (0.86 in porta)
21.0 % percentuale di realizzazione
xGoal: 0.19 (che cosa sono gli expected goals?)
xAssist: 0.18
33.17 passaggi completati (76,5%)
4.7 dribbling riusciti (69.4%)
0.76 cross riusciti (32,6%)
0.76 passaggi filtranti
2.57 tocchi in area
11.85 palloni persi
Lunghezza media passaggi corti: 17.74 metri
Lunghezza media passaggi lunghi: 33.98 metri

Questa invece la sua heatmap stagionale, con le zone del campo in cui Felipe Anderson è stato più attivo.

I numeri raccontano quindi di un calciatore molto coinvolto nella manovra della squadra, e dai cui piedi partono molte delle opportunità create dal West Ham.

Dai piedi del solo Felipe Anderson, che pure non è un attaccante, arrivano circa il 7% degli xG a partita del West Ham.

Insomma, il brasiliano sembra essere recuperato in pieno, ed è pronto a conquistare ulteriormente il palcoscenico della Premier League.